121 Frasi in Latino brevi (con traduzione): le più famose e belle citazioni della storia

Frasi Latino brevi

Scopri qui di seguito le Frasi in Latino brevi: le più famose, belle e significative citazioni di grandi personaggi della storia in lingua latina con traduzione in italiano.

Frasi in Latino brevi

Manus manum lavat.
Una mano lava l’altra.
(Petronio)

Panem e circenses.
Pani e giochi circensi.
(Decimo Giunio Giovenale)

Melius abundare quam deficere.
Meglio abbondare che deficere.

Qui gladio ferit gladio perit.
Chi di spada ferisce di spada perisce.
(Gesù Cristo – Vangeli)

Dictum, factum.
Detto, fatto.
(Publio Terenzio Afro)

Laurea honoris causa.
Laurea a scopo di onore.

Ipse dixit.
L’ha detto egli stesso.

Quis custodiet ipsos custodes?
Chi controlla i controllori?
(Giovenale)

Accipere quam facere praestat iniuriam.
È meglio subire un’ingiustizia, piuttosto che compierla.
(Marco Tullio Cicerone)

Memento mori.
Ricorda che devi morire.

Una hirundo non facit ver.
Una rondine non fa primavera.

Amicus omnibus, amicus nemini.
Amico di tutti, amico di nessuno.

Veni, vidi, vici.
Venni, vidi, vinsi.
(Gaio Giulio Cesare)

Nihil tam munitum quod non expugnariI pecunia possit.
Nulla è così forte da non poter essere vinto con il denaro.
(Marco Tullio Cicerone)

Omnia munda mundis.
Tutto è puro per i puri.
(San Paolo)

Electa una via, non datur recursus ad alteram.
Scelta una via non è consentito fare ricorso ad un’altra.

Scientia potentia est.
Sapere è potere.
(Francesco Bacone)

Vinum incendit iram.
Il vino accende l’ira.
(Lucio Anneo Seneca)

Uno pro puncto caruit Martinus Asello.
Per un punto Martin perse la cappa.

Habere non haberi.
Possedere e non essere posseduti.

Asinus asinum fricat.
L’asino gratta l’asino [L’ignorante loda l’altro ignorante]
(Marco Tullio Cicerone)

Status quo.
Stato di equilibrio.

Mens sana in corpore sano.
Mente sana in corpo sano.
(Decimo Giunio Giovenale)

Inventa lege, inventa fraude.
Fatta la legge, trovato l’inganno.

Via Crucis.
Via della Croce [Il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione].

Oderint dum metuant.
Mi odino pure, purché mi temano.
(Caligola)

Idem est non esse et non probari.
È la stessa cosa non essere e non mostrarsi.

Quos Deus perdere vult, dementat prius.
Quelli che gli dèi vogliono distruggere, prima li fanno impazzire.

Odi profanum vulgus et arceo.
Odio il volgo profano, e lo tengo lontano.
(Orazio)

Gutta cavat lapidem.
La goccia scava la pietra.
(Publio Ovidio Nasone)

Fortuna caeca est.
La fortuna è cieca.
(Marco Tullio Cicerone)

Ad astros seniores redit.
Gli anziano tornano alle stelle.
(Marco Valerio Marziale)

Odero, si potero; si non, invitus amabo.
Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado.
(Ovidio)

Impunitas semper ad deteriora invitat.
L’impunità invita sempre a cose peggiori.
(Marco Porcio Catone)

Casus belli.
Motivo della guerra.

Multos inimicos, honorem multum.
Molti nemici, molto onore.
(Gaio Giulio Cesare)

Acta est fabula.
La commedia è finita.
(Cesare Ottaviano Augusto [Prima di morire])

Omnia mors æquat.
La morte livella ogni cosa.
(Claudio Claudiano)

Qui pro quo.
Qualcosa al posto di qualcos’altro [Equivoco].

Sic transit gloria mundi.
Così passa la gloria del mondo.

In dubiis abstine.
Nel dubbio, non prendere posizione.

Urbi et Orbi.
Alla città [di Roma] e al mondo [All’Urbe e all’Orbe].

Fiat lux.
Sia fatta la luce.
(Frase biblica)

Quod non vetat lex, hoc vetat fieri pudor.
Ciò che non proibisce la legge, lo proibisce la vergogna.
(Lucio Anneo Seneca)

Divide et impera.
Dividi e comanda.

Absenti nemo ne nocuisse velit.
Non lasciare che si parli male di chi è assente.
(Sesto Properzio)

Qui tacet,consentire videtur.
Chi tace acconsente.

Labor omnia vincit.
La fatica vince ogni cosa.
(Virgilio)

Ave, Caesar, morituri te salutant.
Ave, Cesare, quelli che vanno a morire ti salutano.
(Frase pronunciata dai gladiatori prima dell’inizio dei giochi)

Donec dies elucescat.
Fino a che non spunta il giorno.

Repetita juvant.
Ripetere la stessa cosa, aiuta.

Excusatio non petita, accusatio manifesta.
Scusa non richiesta, accusa manifesta [Se non hai niente di cui giustificarti, non scusarti].

In vino veritas.
Nel vino è la verità.

In pectore.
Nel petto [nel cuore].

Nec sine te, nec tecum vivere possum.
Non posso vivere né con te, né senza di te.
(Ovidio)

Gloria victis.
Gloria ai vinti.

Piger ipse sibi obstat.
Il pigro si ostacola da solo.
(Lucio Anneo Seneca)

Dente lupus, cornu taurus petit.
Il lupo assale con i denti, il toro con le corna.

Amicum cum vides obliviscere miserias.
Quando vedi un amico, dimenticati delle sventure.
(Appio Claudio Cieco)

Fert omnia aetas.
Il tempo porta via tutto.

Defecatio matutina bona tam quam medicina.
La defecazione mattutina è benefica quanto una medicina.

Noli me tangere.
Non mi toccare.

Mors tua vita mea.
La tua morte è la mia vita.

Quo vadis?
Dove vai?

Una tantum.
Una soltanto.

Ad hoc.
Per questo.

Inter sidera versor.
Mi sposto tra le stelle.

Etiam capillus unus habet umbram suam.
Anche un solo capello ha la sua ombra [Ogni cosa lascia una traccia].
(Publilio Siro)

Senectus insanabilis morbus est.
La vecchiaia è una malattia incurabile.
(Lucio Anneo Seneca)

Vivere est cogitare.
Vivere è pensare.
(Marco Tullio Cicerone)

Extrema ratio.
Estremo rimedio.

Omne ignotum pro magnifico.
Tutto ciò che è sconosciuto è sublime.
(Tacito)

Carpe diem.
Cogli l’attimo.
(Quinto Orazio Flacco)

E pluribus unum.
Dai molti uno.
(Motto nazionale degli Stati Uniti d’America)

Vice versa.
Cambiato al contrario.

Habemus Papam.
Abbiamo il papa.
(Annuncio a cui segue la proclamazione del nuovo papa)

Lapsus linguae.
Errore di lingua.

Sol omnibus lucet.
Il sole splende per tutti.
(Gaio Petronio Arbitro)

Nemo propheta in patria.
Nessuno è profeta nella [propria] patria.
(Gesù Cristo – Vangeli)

Maxima illecebra est peccandi impunitatis spes.
La speranza di restare impuniti è il più grande incentivo a trasgredire le regole.
(Marco Tullio Cicerone)

Facta, non verba.
Fatti, non parole.

Homo faber fortunae suae.
L’uomo è l’artefice della propria sorte.
(Appio Claudio Cieco)

Fluctuat nec mergitur.
È sbattuta dalle onde, ma non affonda.
(Motto della città di Parigi)

Homines, nihil agendo, agere consuescunt male.
Gli uomini, non facendo nulla, si abituano a fare malamente.
(Publilio Siro)

Fama nihil est celerius.
Niente è più rapido della fama.
(Tito Livio)

Numerus convenit.
I conti tornano.

Aut aut.
O questo o quello.

Regnabo, regno, regnavi, sum sine regno.
Regnerò, regno, regnavo, sono senza regno.
(Motto che accompagna le raffigurazioni della ruota della fortuna)

Ars aemula naturae.
L’arte emula la natura.
(Apuleio)

Ars longa, vita brevis.
L’arte è lunga, la vita breve.
(Lucio Anneo Seneca)

Ubi maior minor cessat.
Laddove vi è il maggiore, il minore decade [In presenza di una persona più potente quello che ne ha meno perde la propria importanza].

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum.
Sbagliare è umano, ma perseverare [nell’errore] è diabolico.

Corruptissima re publica plurimae leges.
Moltissime sono le leggi quando lo Stato è corrotto.
(Publio Cornelio Tacito)

Absentem edit cum ebrio qui litigat.
Discutere con un ubriaco è come discutere con chi non è presente.
(Publilio Siro)

Ecce Homo.
Ecco l’uomo.
(Ponzio Pilato ai Giudei mostrando loro Gesù flagellato)

Omnia Romae cum pretio.
A Roma tutto ha un prezzo.
(Decimo Giunio Giovenale)

Vox populi, vox Dei.
Voce di popolo, voce di Dio.

Memento homo, quia pulvis es et in pulverem reverteris.
Ricorda uomo, che polvere sei e polvere ritornerai.
(Bibbia)

Animum debes mutare, non caelum.
È l’animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi.
(Lucio Anneo Seneca)

Omnia tempus habent.
Ogni cosa ha il suo tempo.

Ora et labora.
Prega e lavora.

Veritas filia temporis.
La verità è figlia del tempo.
(Aulo Gellio)

Patria est ubicumque est bene.
La patria è dove si sta bene.
(Marco Tullio Cicerone)

Non nobis solum nati sumus.
Non siamo nati soltanto per noi stessi.
(Marco Tullio Cicerone)

Pecunia, si uti scis, ancilla est, si nescis, domina.
I soldi se li sai usare ti servono, se non li sai usare ti sono padroni.

Si vis pacem, para bellum.
Se vuoi la pace, prepara la guerra.

Si vis pacem, para iustitiam.
Se vuoi la pace, prepara la giustizia.

Cogito ergo sum.
Penso, dunque sono.
(Cartesio)

Omnia praeclara rara.
Tutte le cose eccelse sono rare.
(Marco Tullio Cicerone)

De minimis non curat praetor.
Il pretore non si occupa di cose di poca importanza.

Hic et nunc.
Qui e ora.

Mors ultima linea rerum est.
La morte è il limite di ogni cosa.
(Quinto Orazio Flacco)

Qui scit sanare scit destruere.
Chi sa guarire sa distruggere.

Condicio sine qua non.
Condizione senza la quale non si può verificare un evento.

In medio stat virtus.
La virtù sta nel mezzo.
(Aristotele)

Lupus in fabula.
Il lupo nel discorso.

Frangar, non flectar.
Mi spezzo, ma non mi piego.

Audaces fortuna iuvat.
La fortuna aiuta gli audaci.
(Virgilio)

Unus sed leo.
Uno, ma leone.
(Esopo)

Nosce te ipsum.
Conosci te stesso.

Summum jus, summa injuria.
La giustizia estrema è estrema ingiustizia.
(Marco Tullio Cicerone)

De gustibus non est disputandum.
I gusti non si discutono.

Dulcis in fundo.
Il dolce giunge alla fine del pasto.

Diligite iustitiam qui iudicatis terram.
Amate la giustizia, voi che siete giudici in terra.
(Salomone)

Homo homini lupus.
L’uomo è un lupo per gli altri uomini.
(Plauto)

Dum spiro, spero.
Finché respiro, ho speranza.
(Marco Tullio Cicerone)

Arthago delenda est.
Cartagine deve essere distrutta.
(Marco Porcio Catone)

Omnia vincit amor.
L’amore vince tutto.
(Publio Virgilio Marone)

Ex aequo et bono.
Secondo quanto è giusto ed equo.

Par condicio creditorum.
Parità di trattamento dei creditori.

Ab uno disce omnes.
Da uno, conoscili tutti.
(Publio Virgilio Marone)

In toto.
Per intero.

X